CIAB, il Club delle Imprese Amiche della Bicicletta, mette in rete tra loro tutte le aziende, gli operatori turistici e gli enti che ritengono importante promuovere la mobilità sostenibile e ciclistica, nell’ottica di un sistema di sviluppo sostenibile e a misura d’uomo.

L’operatore turistico che aderisce a CIAB dimostra una sensibilità particolare verso l’ambiente e, oltre a contribuire allo sviluppo del turismo “verde” e del cicloturismo, offre ai propri clienti, ai dipendenti e ai titolari un formidabile incentivo ad usare la bici in vacanza e per tutti gli spostamenti quotidiani: l’assicurazione RC bici che copre i clienti e i dipendenti nei loro viaggi e spostamenti in bici in tutta Europa.

I vostri dipendenti e collaboratori, per il solo fatto di lavorare per un operatore aderente a CIAB,  saranno assicurati per la responsabilità civile verso terzi ogni volta che usano la bicicletta, sia per andare al lavoro che per i propri spostamenti quotidiani o di piacere. Sono considerati dipendenti anche il titolare o i titolari o i soci in caso di cooperative o società. Inoltre i vostri clienti saranno assicurati, sempre per la RC, nei viaggi che proporrete loro e nel contempo sarete assicurati anche voi, in qualità di organizzatori/noleggiatori per tutti i servizi che avete fornito al cliente.

Il costo per aderire a CIAB è di 50 euro, quale quota fissa, cui aggiungere 3 euro per ogni dipendente o socio. La quota comprende un abbonamento alla rivista BC.

Se siete interessati alla copertura per i clienti il contributo è di 1 euro/giorno per ogni cliente che desiderate assicurare.

L’adesione può avvenire direttamente dal sito www.ciab.it. il sito sarà una vetrina a disposizione degli operatori che potranno così promuovere e comunicare alla rete degli aderenti e all’esterno le loro iniziative e le proposte nel campo della mobilità ciclistica e sostenibile.

CIAB è un’associazione democratica e ogni aderente avrà diritto ad un voto indipendentemente dal numero dei dipendenti o di quanto versato. L’adesione dura un anno dal momento in cui si conferma la richiesta versando la quota di iscrizione. L’assemblea sociale si tiene ogni anno in settembre, durante l’esposizione nazionale dedicata al mondo delle biciclette.

Perché un operatore dovrebbe promuovere l’uso della bicicletta anche per turismo?

  • Perché chi usa regolarmente la bici per turismo o per i suoi spostamenti...
  • ha scoperto che la bicicletta è il mezzo migliore per ricrearsi lo spirito ed il corpo.
  • è mediamente più colto, educato e più disponibile a spendere come hanno dimostrato le esperienze europee a riguardo.
  • contribuisce al crescente interesse per l’uso della bicicletta nel tempo libero sia in Italia che all’estero.
  • favorisce la creazione di nuovi servizi nel mondo della “green economy”.
  • riduce l’obesità e guadagna in tono muscolare e in fiducia in se stesso, con ricadute positive nei rapporti personali e professionali.
  • si può paragonare alle lucciole o alle farfalle. E’ indicatore di un ambiente sano, naturalisticamente e culturalmente gradevole.
  • può rilanciare aree che potrebbero essere considerate disagiate o marginali come destinazioni turistiche.
  • destagionalizza i flussi turistici, permettendo di raggiungere nuovi target.

Cosa può fare un operatore turistico per promuovere tour e proposte in bicicletta ai propri clienti?

  • La bici sarà sempre di più il mezzo del trasporto del futuro, anche per il turismo. Inserire viaggi ed escursioni in bicicletta tra le proprie proposte, eventualmente appoggiandosi a partner specialistici.
  • Individuare e proporre biciclette a noleggio di alta qualità, affidabili e comode. Nulla allontana dal cicloturismo potenziali clienti più di una cattiva esperienza in sella ad una bici scomoda e poco scorrevole.
  • Proporre itinerari sperimentati e adatti al tipo di cicloturista che acquista il pacchetto o vi chiede informazioni. Chi usa la bici da corsa preferisce strade ampie e con salite importanti. Chi viaggia con la famiglia chiede percorsi protetti e prevalentemente pianeggianti.
  • Collaborare con la FIAB che è la Onlus che ha tra gli obiettivi sociali la promozione del cicloturismo come forma di turismo ecologico, sano e economico. La FIAB è l’ente che più di ogni altro in Italia si batte affinchè venga realizzata una rete infrastrutturale di percorsi ciclabili. Il tour operator può proporre ai soci FIAB pacchetti scontati o servizi extra.
  • Aderire a CIAB dando modo ai dipendenti e clienti di poter godere dell’assicurazione RC Bici in ogni loro spostamento o viaggio in bicicletta in tutta Europa.

Cosa copre la Polizza Ciab per operatori turistici (RC dipendenti 24 ore)

Definizioni

Contraente: Il “Club Imprese Amiche della Bicicletta”, (CIAB).
Assicurati: i dipendenti, i titolari e i soci lavoratori delle aziende ed operatori aderenti a CIAB.
Bicicletta: Velocipede a più ruote, anche con pedalata assistita.

Integrazioni

Possibile integrazione: assicurazione RC di clienti fruitori del servizio di bici a noleggio o di pacchetti turistici, al costo di un euro al giorno a persona per la durata dell’evento. In tal caso anche gli organizzatori sono assicurati per la RC per le attività connesse all’evento organizzato. 

Condizioni

  1. La polizza è stipulata annualmente da CIAB in nome proprio e per conto delle aziende e degli enti aderenti a CIAB.
  2. La garanzia è operante per la Responsabilità Civile derivante agli assicurati dall’uso e circolazione della bicicletta in tutta Europa (sono escluse le attività agonistiche).
  3. L’individuazione degli Assicurati avviene come segue:
    1. Dipendenti: si farà riferimento al libro matricola che attesti la qualifica di dipendente dell’azienda e/o al libro soci e/o alla visura camerale. Sono considerati assicurati tutti i soggetti definiti appartenenti alle aziende aderenti. Il titolare o eventuali soci di una società sono considerati come i dipendenti ai fini assicurativi.
    2. Clienti: persone indicate in anticipo in un apposito format informatico (*) individuate come fruitori di biciclette a noleggio o di un pacchetto turistico fornito dall’azienda.
    3. Azienda: la società che noleggia la bicicletta o fornisce il pacchetto turistico al cliente, nella veste del legale rappresentante o chi in quel momento rappresenta l’azienda, ad es. accompagnatore del viaggio o personale addetto al noleggio.
  4. Le denunce di sinistro devono essere presentate alla Società dall’azienda aderente, correlate dalla documentazione comprovante il requisito di assicurato.
  5. Qualora l’assicurato sia titolare o comunque garantito da altra polizza per il rischio di cui al punto 2), la presente polizza opera in secondo rischio, e cioè in eccedenza al massimale garantito (a primo rischio) da detta altra polizza e fino alla concorrenza del massimale del presente contratto.

Per tutte le coperture:
Massimali 2.000.000 € a sinistro/cose/persone.
Franchigia 500 €
Validità: Europa geografica   

(*) L’azienda aderisce alla proposta versando a CIAB un contributo per poter utilizzare un numero definito di coperture assicurative per propri i clienti. Prima che il cliente parta per il viaggio o inizi ad utilizzare la bicicletta a noleggio fornita dall’azienda, un operatore deve inserire nella piattaforma integrata al sito www.ciab.it il nome del cliente e il periodo di utilizzo della bici o la durata prevista del viaggio. Il sistema scalerà dal totale un numero di giornate assicurate pari al numero di giornate/cliente utilizzate. All’esaurimento delle giornate a disposizione l’azienda potrà acquisirne altre con la logica di un servizio “ricaricabile”. Il contributo è pari ad un euro per giornata/cliente. Ad es. con 100 euro si avrebbero 100 giornate utilizzabili da 100 persone per un giorno o da 20 persone per 5 giorni.